Boschi Bandiziol e Prassaccon

I boschi di Bandiziol e Prassaccon rappresentano la foresta planiziale più estesa del Veneto orientale, con una superficie di quasi centoventi ettari di terreno piantato ad alberi tra il 1994 e il 1997, grazie a un progetto del Comune di San Stino di Livenza.  

Di notevole importanza dal punto di vista turistico e naturalistico, questa zona è un esempio caratteristico della vegetazione del bosco di pianura. Diverse specie di alberi - querce, carpini, aceri, frassini, olmi, tigli e ontani - convivono nei boschi di Bandiziol e Prasaccon, offrendo in tutte le stagioni la possibilità di ammirare una flora rigogliosa e variegata.

La zona è attrezzata per diverse attività ricreative, tra cui la possibilità di ospitare eventi culturali e percorsi educativi.

  • Come arrivare
  • Cosa fare
  • Scheda tecnica
  • Info e contatti

Come arrivare:

Il Bosco di Bandiziol e Prassacon si trova a circa 2 km dall'uscita del casello autostradale di Santo Stino di Livenza, in località Bosco, vicino alla frazione di Corbolone. Essa fa parte del comune di Santo Stino di Livenza dal cui centro dista circa 4 Km.
E' raggiungibile anche a piedi o in bicicletta, seguendo l'itinerario naturalistico che parte dalla frazione di Corbolone, seguendo la via Gallo e quindi la stradina bianca che porta alla cantina Dialma. Dopo circa un paio di chilometri nel verde degli alberi che costeggiano la stradina bianca, si accede al bosco di Bandiziol attraverso la suggestiva entrata sud.

Parcheggiare:

Possibilità di parcheggio per autobus, auto e biciclette.

Attività:

  • Laboratori di ricerca scientifica
  • Educazione ambientale
  • Escursioni in bicicletta
  • Birdwatching
  • Pic-nic
  • Escursioni a piedi

Servizi:

  • Aree attrezzate con giochi per bambini
  • Aree attrezzate per eventi e manifestazioni
  • Percorsi attrezzati per disabili
  • Struttura didattica all'aperto
  • Aree attrezzate pic-nic
  • Altana e torrette per birdwatching
  • Pista ciclabile
  • Età bosco: 20
  • Superficie: 118
  • Gestione forestale:

    Date le numerose e diverse attività che nell'area si possono svolgere, al bosco viene riconosciuta prevalentemente una funzione turistico-ricreativa, oltre ad una valenza paesaggistica/naturalistica, dovuta alle caratteristice uniche della zona su cui si estende. Gli interventi devono prevedere diradamenti specifici per garantire il grado di mescolanza del bosco e favorire le specie che potranno rivestire un'importante funzione ambientale/paesaggistica.

    Tra il 2010 e il 2013 sono stati finanziati interventi di sfollo e diradamento grazie a tre diversi progetti nell'ambito della misura 227.2 (miglioramento boschivo) del PSR.

Lista foreste
vedi tutte le foreste
Cerca Foresta